Il Castello Angioino: com'era e come l'hanno ridotto...

di Clemente Pansa   

  

La fortezza del Castello Angioino di Mola fu progettata verso la fine del XIII Sec. (gli Storici sono d’accordo sulla data del 1279). Sorse, infatti, in un luogo che doveva garantire la fortificazione della costa che da Bari scende verso Sud fino a Monopoli.

Questo almeno nelle intenzioni di Carlo D’Angiò…

La storia che noi conosciamo, è andata un po’ oltre quelle previsioni.

Infatti, nei secoli a venire, fino a giungere ai nostri giorni, quella “Fortezza” ha subito ogni sorta di “spoliazione”, di massacro in termini strutturali e di utilizzo non proprio ortodosso del manufatto, quale, ad esempio, la costruzione di un cinema “attaccato” ad uno dei suoi lati, per non parlare dell’uso della sua intera struttura interna adibita, per tanti anni, a mattatoio comunale… e non stiamo parlando di secoli fa, ma solo di qualche decennio…

Ed arriviamo ad oggi.

Ecco come era il Castello Angioino di Mola alla fine dell’800 e come è stato ridotto oggi il suo habitat dall’ottusità di certi amministratori…

Le foto che pubblichiamo ci sono state inviate da un nostro Lettore.

Lo ringraziamo, dunque, per la sua preziosa collaborazione.

 

Il Castello Angioino di Mola com'era agli inizi del secolo scorso: una fortezza sul mare per la salvaguardia della costa.

Ed ecco come é diventato il suo ambiente circostante.

I lavori per realizzare "il più bel lungomare d'Italia" (PdS1) lo hanno allontanato dal mare, stravolgendo così la sua originaria "destinazione d'uso"

   

1Parola di Sindaco

 

  

 

Webmaster ciemmepi