Mola affonda nel degrado. Allagamenti e strade dissestate

di T.P.   

  

Carissimi concittadini Molesi, credo che ormai siamo arrivati al culmine dell’indecenza e vi spiego il perché: non abbiamo solo un sindaco furbastro, perché a fargli da spalla c’è anche l’Assessore alla Polizia Municipale, Giuseppe De Silvio, che come il suo Sindaco, prende per i fondelli la popolazione molese, offendendone l’intelligenza.

Non perderemo tempo a scrivere ciò che l’Assessore ha dichiarato, ma demandiamo la cosa al manifesto firmato dal Nostro (vedi foto) per spiegarvi il perché di tanta tracotanza.

Dal manifesto, datato 3 settembre 2009, apprendiamo che l’Assessore ha dichiarato che il 28 settembre sarebbe entrato in funzione il dissuasore mobile sito in via Giovanni XXIII (“Tale dispositivo ha lo scopo di migliorare la vita all’interno delle zone interessate, riducendo l’inquinamento acustico causato dalla circolazione dei veicoli a motore”).

A tutt’oggi, 26 ottobre 2009, il fantomatico dissuasore chiamato “PILOMAT” non solo non è ancora funzionante - e chissà se sarà mai attivato – ma l’Assessore non ha neanche avvertito la sensibilità di informare la popolazione sul perché non sia ancora entrato in funzione.

Il perché, però, possiamo intuirlo: si è certamente trattato di un goffo tentativo per cercare di tacitare quei cittadini che, come chi scrive, contesta questo aborto di amministrazione di sinistra. Con i finanziamenti di Urban2, si sarebbero dovute riparare e  pavimentare le strade di Mola.

Sapete cosa hanno ripristinato in quattro anni di amministrazione? Via Onofrio Martinelli e un isolato di Via Tripoli. Tutto il resto del Paese è uno sfascio, una groviera, per lo più pericolosa per l’incolumità dei Cittadini.

Provate a farvi una passeggiata lungo Viale della Libertà, nei pressi della Stazione Ferroviaria, ma non portate con voi i bambini. Non è proprio il caso che sentano i vostri commenti che, siamo certi, saranno molto coloriti...

Percorrete Via Cesare Battisti, Via Vittorio Veneto, Corso Umberto, Via Mazzini… inutile fare l’elenco dettagliato di tutto il Paese… avreste solo l’imbarazzo della scelta! Del resto sulle condizioni delle strade di Mola, ci siamo già occupati in passato. Sul sito vi sono decine di fotografie che denunciano il degrado e lo sfacelo della maggior parte delle strade della nostra Città.

Complimenti, dunque, al Sig. Sindaco che, tra le altre cose, è stato così bravo da collezionare un paio di condanne dal TAR; una nello scorso aprile per abuso di potere ed un’altra, molto recentemente, per inadempienza. Questo, però, è solo quello che conosciamo. Non sappiamo se c’è altro.

Quello che vedete è solo un’anticipazione di un più ampio servizio fotografico che sta per essere pubblicato insieme ad alcuni filmati che denunciano lo stato di degrado e di abbandono in cui versano la stragrande maggioranza delle zone di Mola.

E cosa dire dei vari allagamenti?

Il sottopassaggio di Via Manzoni è da oltre quarant’anni soggetto ad allagamenti. Nelle foto gli ultimi due avvenuti a distanza di poco più di due mesi uno dall’altro.

Pensate sia stato fatto qualcosa in proposito? Pensate che si sia mosso qualcuno?

Un’Amministrazione seria ed accorta, avrebbe per lo meno segnalato il pericolo di allagamento, in caso di piogge torrenziali, con dei cartelli posti agli angoli di via Manzoni e di Via S. Onofrio.  

Ma non hanno fatto neanche questo. Forse i quattrini di Urban2 non sono stati sufficienti per l’acquisto di due cartelli…

Si preferisce usare provvidenziali scorciatoie: si chiamano i Vigili del Fuoco e tutto si risolve.

Ora l’appuntamento è al prossimo allagamento!

E che dire poi delle scritte sui muri? Un vero flagello che causa danni notevoli ai prospetti delle case e non solo.

Non esiste ad oggi alcun provvedimento dell’Amministrazione che metta al bando questi “… artisti criminali”.

Siamo davvero tutti stufi!

Fosse finita qui… Invece… Pare che il Nostro abbia intenzione di ricandidarsi alle prossime elezioni...

C’è solo da augurarsi che la cittadinanza non abbia vocazioni suicide e dica “BASTA” a questa Amministrazione che, con il concreto concorso delle precedenti, ha portato il Paese allo sbando e lo ha ridotto come tutti oggi possono constatare.

 

 

   

 

Webmaster ciemmepi