Precisazione

di ciemmepi   

 

Poichè la mamma degli imbecilli è sempre incinta....

Siamo usciti, qualche settimana fa, con un articolo che non voleva essere altro se non un appello - rivolto ai Cittadini Molesi responsabili e di buon senso – all’unità ed al superamento di vecchi rancori per raggiungere un obiettivo che è insito nel nome del nostro sito: LiberiamoMola.

Niente di più.

Purtroppo c’è sempre qualcuno a cui piace ciurlare nel manico perché non ha la più pallida idea di dove alberghi “responsabilità” e buon senso” e finisce, così, nel cimentarsi in fantasiose ed ardite elucubrazioni mentali infarcite di ignoranza (nel senso del “non sapere”) e dietrologia, fino al punto di “sparare” ipotesi inesatte se non addirittura inesistenti.

Ed è esattamente quello che è accaduto dopo la nostra uscita.

A questo punto è doverosa, anzi, direi obbligatoria, una precisazione.

Non avevamo ritenuto necessario “spiegare” ad usum delphini le ragioni della nostra comparsa e non lo avevamo fatto in quanto il contenuto iniziale di questa pagina (che lasceremo per sempre ad imperitura memoria) ci sembrava chiaro e non soggetto ad interpretazioni sui generis o, peggio ancora, pro o contro qualcuno.

Il nome stesso che abbiamo voluto dare al sito, la dice lunga sulle nostre reali intenzioni… ed il ricorso a precisazioni ulteriori, ci sembrava davvero un’offesa all’intelligenza di chi leggeva.

Evidentemente:

1 - ci siamo sbagliati;

2 - non tutti i frequentatori del nostro sito sono intelligenti, ovvero, in buona fede.

E poiché queste due categorie di naviganti sono le più pericolose perché fanno uso di un’arma subdola e vigliacca: la demagogia, è bene non dare a questi arruffapopoli alcuna opportunità di interpretazioni bizzarre a quello che scriveremo d’ora in avanti. É per questo che abbiamo deciso che il nostro impegno sarà ancora più preciso e puntuale nell’esposizione dei fatti e delle idee che saranno rivolte esclusivamente a coloro i quali, per capire, useranno la propria intelligenza e non si affideranno all’ignoranza degli altri.

Detto questo, procediamo con alcune precisioni.

Innanzitutto ribadiamo quanto dichiarato nelle motivazioni sul perché nasce questa iniziativa che altro non è che una sfida all’attuale situazione di immobilismo in cui versa il Comune di Mola.

Gli ideatori e sostenitori di questo sito, non sono né a favore né contro qualcuno.

L’impegno di noi tutti è esclusivamente a favore di Mola!

Le beghe politiche che qualcuno vuole appiccicare a questa iniziativa sono del tutto prive di ogni fondamento e chi le divulga e le sostiene non fa che esporre un proprio punto di vista, legittimo se volete, ma che non trova alcuna corrispondenza né approvazione da parte nostra.

Noi saremo al fianco di chi prenderà un impegno serio con la popolazione di Mola nel rispetto di un programma di governo del Paese, per i prossimi anni, che consideri come priorità assolute, il perseguimento e la salvaguardia dei diritti dei più deboli, la cura della Città e l’abbandono degli affari!

La speculazione edilizia a Mola di Bari deve, una volta per tutte, terminare.

C’è fame di case, ma non per i costruttori.

C’è fame di lavoro, ma non per i soliti noti.

È arrivato il momento di avere un po’ di attenzione per gli interessi, legittimi, dei meno abbienti e chi si vorrà misurare in questa sfida, avrà noi dalla sua parte a sostenerlo ed incoraggiarlo.

Coloro che vorranno, invece, ostacolare questo cammino per continuare a rincorrere gli obiettivi finora perseguiti, o rendersi complice di chi vorrà ancora inseguirli, ci vedranno loro fermi oppositori.

Questo è e sarà un punto fermo dal quale nessuno di noi si discosterà per nessun motivo!

Due mandati del precedente sindaco ed uno di quello attuale non ci hanno per niente soddisfatto. La popolazione è insofferente per la politica svolta da queste amministrazioni negli ultimi quindici anni circa.

È per questo che noi riteniamo di interpretare i bisogni di questi Cittadini e sentiamo che l’ora del cambiamento è vicina.

Riteniamo priorità urgente un ricambio a Via De Gasperi e considereremo le prossime consultazioni elettorali per il rinnovo dell’Amministrazione Provinciale, una sorta di banco di prova per il futuro dell’Amministrazione di Mola.

Se il Centro-Destra otterrà un risultato apprezzabile, non escludiamo che questo risultato possa tramutarsi in un avviso di sfratto per gli attuali inquilini del Municipio…

Questa, però, è un’eventualità che potremo verificare solo fra cinque o sei mesi. Per il momento noi continuiamo per la nostra strada e raccoglieremo tutti quelli che, responsabilmente ed in buona fede, crederanno nel nostro progetto.

Gli altri? Gli altri non ci interessano. Volentieri li lasciamo all’attuale amministrazione.

Sicuramente saranno loro degni e fedeli sostenitori!  

                   

 

Webmaster ciemmepi